Orari del corso
torna a: homepage > Yoga Integrale
SRI AUROBINDO - MERE - SATPREM

"Bisogna sgombrare il passaggio
fra la mente esterna e l'essere
interiore... poiché la coscienza
yoghica coi suoi poteri è già lì,
dentro di voi..."
(Sri Aurobindo)

Il modo migliore per sgombrare questo passaggio è fare tacere la mente (prendere distanza del lavorio monotono ed ossessivo dei pensieri). Occorre un metodo, una spinta iniziale; conoscenza, riflessione ed esercizi di meditazione sono necessari, ma non per chiudersi in noi stessi; abbiamo bisogno di vivere la verità del nostro essere in ogni istante d'ogni giorno, non solo nei giorni festivi o nella solitudine. Se il ricercatore ha fatto silenzio dentro di sé, la sua azione è meditazione, vedrà le sue azioni diventare più efficaci, più potenti senza con ciò interferire con la sua pace interiore. Uno yoga nella vita di ogni giorno, al quotidiano.
E' questa l'esperienza fondamentale dello yoga integrale.

"Lo yoga non è un modo di fare. E' un modo di ESSERE "

L'unica soluzione, perciò è nel cercare di stare mentalmente in silenzio proprio laddove in apparenza è più difficile, e cioè per la strada, in autobus, sul lavoro: dovunque. Invece di fare un certo tragitto quattro volte al giorno incalzati dall'ansia e dalla fretta, farlo coscientemente come parte della nostra ricerca. Invece di vivere come viene, perduti in una folla di pensieri non solo privi d'interesse, ma esasperanti come un disco rotto, riannodare i fili sparsi della coscienza e lavorare , lavorare su se stessi in ogni istante. La vita comincerà ad assumere un interesse assolutamente nuovo, perché le più insignificanti circostanze diventeranno occasioni di vittoria. Ci sarà una bussola a guidarci: non andremo più a casaccio, ma in una direzione ben definita.

"C'è quell'uomo che cammina lungo il viale, che sale e scende sul grande "toboga" mentale, che rumina e rumina migliaia di pensieri di cui neppure uno vale quel tanto da permettergli di risolvere le sue pene e i suoi desideri, migliaia di passanti che formicolano nella grande strada interiore, ma dov'è colui che non passa, l'abitante di questa dimora? ".Per scoprirlo, bisogna fermarsi, fermarsi e guardare: è un guardare " da dentro"
(tratta da: La Genesi dell'uomo dopo l'uomo, di Satprem)

"Yoga è la cosciente scoperta del sé"

"I cieli al di là sono grandi e meraviglioso, ma più grandi e meravigliosi sono i cieli
dentro di voi. E' questo l'Eden che attende il divino operaio."

(Aurobindo)


Sri Aurobindo può forse darci una chiave per credere nelle nostre possibilità e potenzialità non solo umane, ma sovrumane e divine; e non solo per crederci, ma per scoprirle, per scoprirle da soli, un passo alla volta; una chiave che ci consenta di VEDERE, di DIVENTARE .

Lo yoga, in realtà, può avere l'effetto di svegliare automaticamente, fin dal primo istante in cui entriamo nell'esperienza, tutta una gamma di facoltà latenti e di forze invisibili ben più poderose del nostro essere esterno, che possono farci compiere cose di cui in condizioni normali saremmo incapaci.

"Una volta stabilitasi la Pace, la Forza superiore o divina può scendere dall'alto e mettersi a lavorare dentro di noi. Di solito scende prima nella testa e libera i centri della mente interiore, poi scende nel centro cardiaco... poi nel centro ombelicale e negli altri centri vitali...poi nella regione sacrale e più giù ancora. Lavorare a perfezionarli e insieme a liberarli, agisce sulla nostra natura tutt'intera, una parte dopo l'altra: eliminando quel che deve essere eliminato, sublimando quel che deve essere sublimato, creando quel che deve essere creato. Integra, armonizza e stabilisce un nuovo ritmo della natura" (tratta da : Sri Aurobindo " L'avventura della Coscienza, Satprem)

"La Grande Armonia non chiede che di rovesciarsi sul mondo,
scorrere nei nostri canali e nei nostri corpi,
solo vuole che le si apra il passaggio.
Occorre saper lasciare scorrere, lasciar fare:
è lì tutto il segreto"
Mère



Ci sono tanti modi per mettersi al Lavoro. In realtà ognuno ha il suo modo particolare: per qualcuno sarà tornire perfettamente un pezzo, eseguire bene un compito; per un altro sarà esprimere la bellezza di un'idea, scrivere una pagina di musica, descrivere un fiume o un riflesso di sole ecc. possono essere tutti modi di respirare l'Infinito. Ma sono solo brevi istanti; mentre noi vorremmo qualcosa che resta, vorremmo, ecco, aprire una finestra dentro di noi che non si richiuda mai più.

Così ci mettiamo in marcia partendo dal chilometro zero; vale a dire da quel che siamo, forse non da un granché, ma non abbiamo altro e se andremo avanti con calma, con pazienza, con sincerità, affrontando coraggiosamente le difficoltà del terreno; Dio sa se è accidentato! , niente impedirà che un giorno si apra quella finestra da cui il sole entrerà in noi per sempre. In realtà non si tratta di una finestra sola, ma di tante finestre che si aprono una dopo l'altra su uno spazio ogni volta più vasto, su dimensioni sempre nuove del nostro regno. E ogni volta vorrà dire un MUTAMENTO DI COSCIENZA altrettanto radicale che passare dal sonno alla veglia. Ed è questo angolino di mondo che cercheremo di modificare, prima di pensare a salvare il resto. E chissà se cambiare il nostro angolino non sarà il modo più efficace per fare cambiare il vasto mondo?

I vari mutamenti di coscienza, Sri Aurobindo li ha sperimentati e li ha descritti nel suo YOGA INTEGRALE. Sri Aurobindo non è soltanto esploratore della coscienza, è costruttore di un mondo nuovo. Dopo avere raggiunto i confini estremi di mondi non ignoti all'antica saggezza, ha scoperto davvero un altro mondo, che ha chiamato sopramentale. Si è messo a tirarlo su questa terra.

Adesso c'invita a tirare un po' assieme a Lui.
A partecipare ad una bella storia " La Storia infinita"

"Se gli uomini intravedessero anche soltanto un barlume
delle gioie infinite, dei luminosi orizzonti di spontanea conoscenza,
delle calme distese dell'essere che ci aspettano sui sentieri
che la nostra evoluzione animale non ha ancora percorso fino in fondo,
tutto tralascerebbero, e non si darebbero pace
finché non avessero conquistato questi tesori.
Ma stretto è il passaggio, le porte difficili da forzare;
e paura, sfiducia e scetticismo, guardiani della Natura,
stanno di guardia per impedirci di volgere il passo
fuori dei nostri pascoli consueti."

(Aurobindo)